Introduzione. L'Azienda Ospedaliera ha ritenuto strategico introdurre la farmacoprescrizione informatizzata dal 2005 e, dal 2012, la gestione del farmaco in monodose (MD). I due processi devono essere integrati nell'ottica di un miglioramento continuo della Qualità e della gestione del rischio clinico. L'appropriatezza della terapia farmacologica e la riduzione degli errori di prescrizione/somministrazione sono il risultato della perfetta integrazione dei processi. Materiali e metodi. Dal 2005 al 2011 la farmacoprescrizione è stata implementata in tutta l'Azienda al fine di modificare il comportamento prescrittivo e culturale del personale e per preparare all'introduzione della MD in 32 Unità Strutturali. Ad oggi sono attivi 22 armadi automatizzati per la preparazione della terapia dei Farmaci in MD, 55 PC portatili, 47 Carrelli per preparazione automatica della terapia con lettori barcode e stampanti di etichette. Il sistema informatizzato è integrato con i processi logistici (approvvigionamento degli armadi automatici in base alla giacenza, sottoscorta e consumi) e con i processi di risk management (identificazione paziente, identificazione del farmaco da MD oppure AIC, percorsi di supporto alla prescrizione e alla somministrazione, tracciabilità delle operazioni eseguite). L'Azienda ha ipotizzato di verificare se la farmacoprescrizione e la MD potevano ridurre del 95% gli errori di Livello 1 e 2 e del 100% quelli di Livello 3 e 4 (non considerando i Livelli 5 e 6) secondo la scala degli errori dell’Associazione dei Farmacisti Ospedalieri Americani (ASHP). Per verificare se con l'introduzione della monodose si sia raggiunto l'obiettivo proposto è stata eseguita una valutazione “ex ante” e ad un anno dall’introduzione della MD "ex post" secondo la scala di gravità degli errori definita dall'ASHP. Risultati. L’obiettivo di riduzione degli errori previsto è stato raggiunto sia dal punto di vista clinico che economico. La percentuale totale degli errori è scesa dal 4,5% della rilevazione “ex ante” allo 0,63% “ex post” (4 errori su 639 somministrazioni) e la distribuzione sui livelli di gravità è stata di 2 errori per i primi due livelli. Conclusioni. Alla luce dei risultati raggiunti e quelli attesi, si può affermare la piena rispondenza con quanto atteso. La presenza del farmacista nei processi clinici ha facilitato un suo coinvolgimento sempre più significativo e strategico nelle attività del reparto mediante la collaborazione con il personale medico infermieristico, secondo quanto previsto dalla organizzazione dipartimentale. Il percorso non è però terminato: dobbiamo supervisionare il processo e fungere da intermediari per gestire le criticità e migliorare ulteriormente tale percorso.

Gestione del rischio clinico correlato alla terapia farmacologica domiciliare di pazienti disfagia

GANZETTI, ROBERTA;CESPI, MARCO;LOGRIPPO, SERENA;BONACUCINA, Giulia;DI MUZIO, MASSIMO
2015

Abstract

Introduzione. L'Azienda Ospedaliera ha ritenuto strategico introdurre la farmacoprescrizione informatizzata dal 2005 e, dal 2012, la gestione del farmaco in monodose (MD). I due processi devono essere integrati nell'ottica di un miglioramento continuo della Qualità e della gestione del rischio clinico. L'appropriatezza della terapia farmacologica e la riduzione degli errori di prescrizione/somministrazione sono il risultato della perfetta integrazione dei processi. Materiali e metodi. Dal 2005 al 2011 la farmacoprescrizione è stata implementata in tutta l'Azienda al fine di modificare il comportamento prescrittivo e culturale del personale e per preparare all'introduzione della MD in 32 Unità Strutturali. Ad oggi sono attivi 22 armadi automatizzati per la preparazione della terapia dei Farmaci in MD, 55 PC portatili, 47 Carrelli per preparazione automatica della terapia con lettori barcode e stampanti di etichette. Il sistema informatizzato è integrato con i processi logistici (approvvigionamento degli armadi automatici in base alla giacenza, sottoscorta e consumi) e con i processi di risk management (identificazione paziente, identificazione del farmaco da MD oppure AIC, percorsi di supporto alla prescrizione e alla somministrazione, tracciabilità delle operazioni eseguite). L'Azienda ha ipotizzato di verificare se la farmacoprescrizione e la MD potevano ridurre del 95% gli errori di Livello 1 e 2 e del 100% quelli di Livello 3 e 4 (non considerando i Livelli 5 e 6) secondo la scala degli errori dell’Associazione dei Farmacisti Ospedalieri Americani (ASHP). Per verificare se con l'introduzione della monodose si sia raggiunto l'obiettivo proposto è stata eseguita una valutazione “ex ante” e ad un anno dall’introduzione della MD "ex post" secondo la scala di gravità degli errori definita dall'ASHP. Risultati. L’obiettivo di riduzione degli errori previsto è stato raggiunto sia dal punto di vista clinico che economico. La percentuale totale degli errori è scesa dal 4,5% della rilevazione “ex ante” allo 0,63% “ex post” (4 errori su 639 somministrazioni) e la distribuzione sui livelli di gravità è stata di 2 errori per i primi due livelli. Conclusioni. Alla luce dei risultati raggiunti e quelli attesi, si può affermare la piena rispondenza con quanto atteso. La presenza del farmacista nei processi clinici ha facilitato un suo coinvolgimento sempre più significativo e strategico nelle attività del reparto mediante la collaborazione con il personale medico infermieristico, secondo quanto previsto dalla organizzazione dipartimentale. Il percorso non è però terminato: dobbiamo supervisionare il processo e fungere da intermediari per gestire le criticità e migliorare ulteriormente tale percorso.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/399733
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact