Corruzione per l'esercizio della funzione e corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio. Discrezionalità e contrarietà ai doveri dell'ufficio. La "Vendita della discrezionalità" ipotizzata da una parte della giurisprudenza come elemento decisivo per la qualifica della condotta a titolo di corruzione "propria" nelle ipotesi di esercizio di potere discrezionale. La vendita dell'atto e la ratio dei delitti di corruzione.

Nota a Cass. pen. Sez. VI, 24 maggio 2023, n. 44142, in tema di corruzione e attività discrezionale della pubblica amministrazione

Ugo Pioletti
2024-01-01

Abstract

Corruzione per l'esercizio della funzione e corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio. Discrezionalità e contrarietà ai doveri dell'ufficio. La "Vendita della discrezionalità" ipotizzata da una parte della giurisprudenza come elemento decisivo per la qualifica della condotta a titolo di corruzione "propria" nelle ipotesi di esercizio di potere discrezionale. La vendita dell'atto e la ratio dei delitti di corruzione.
2024
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/481625
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact