La disposizione transitoria dettata dall'art. 49 della legge n. 247/2012 per l'esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato esclude l'applicazione delle modalità di espressione, da parte della Commissione, della valutazione degli elaborati scritti, previste dall'art. 46, comma 5, della stessa legge, senza essere affetta da alcuna forma di manifesta irragionevolezza od irrazionalità

Motivazione dell'atto amministrativo e sufficienza (?) del voto numerico negli esami d'avvocato

Rodolfo Masera S
2017-01-01

Abstract

La disposizione transitoria dettata dall'art. 49 della legge n. 247/2012 per l'esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato esclude l'applicazione delle modalità di espressione, da parte della Commissione, della valutazione degli elaborati scritti, previste dall'art. 46, comma 5, della stessa legge, senza essere affetta da alcuna forma di manifesta irragionevolezza od irrazionalità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Motivazione dell'atto amministrativa e sufficienza (?) del voto numerico negli esami d'avvocato.pdf

solo gestori di archivio

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 403.67 kB
Formato Adobe PDF
403.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/467294
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact