La responsabilità «aggravata per colpa presunta» è fondata sulla presenza della prova liberatoria. Essa è prevista dall’ordinamento italo-europeo, in relazione ai danni cagionati dal trattamento dei dati personali (e, quindi, anche dei c.dd. «dati biometrici»). Tuttavia, la stessa sembra non fornire un adeguato rimedio alla lesione del diritto all’autodeterminazione informativa della persona, che accede ai servizi offerti dalla banca attraverso il c.d. «riconoscimento biometrico». Per tale ragione, sarebbe preferibile applicare la regola della responsabilità c.d. «oggettiva».

La responsabilità della banca per il trattamento dei dati biometrici

MAGNI ANTONIO
2018

Abstract

La responsabilità «aggravata per colpa presunta» è fondata sulla presenza della prova liberatoria. Essa è prevista dall’ordinamento italo-europeo, in relazione ai danni cagionati dal trattamento dei dati personali (e, quindi, anche dei c.dd. «dati biometrici»). Tuttavia, la stessa sembra non fornire un adeguato rimedio alla lesione del diritto all’autodeterminazione informativa della persona, che accede ai servizi offerti dalla banca attraverso il c.d. «riconoscimento biometrico». Per tale ragione, sarebbe preferibile applicare la regola della responsabilità c.d. «oggettiva».
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RaDC. 2.18.pdf

solo gestori di archivio

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 287.95 kB
Formato Adobe PDF
287.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/421831
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact