Le dinamiche che caratterizzano gli scenari di ricerca e sviluppo in ambito farmaceutico delineano un quadro in forte discontinuità. L’innovazione che irrompe grazie allo sviluppo delle conoscenze in campo genetico e cellulare non si limitano a modificare il set di competenze che i professionisti (e farmacisti in prima fila) devono possedere ma modifica i rapporti organizzativi tra le diverse figure. Il grande impegno nel settore della ricerca trova poi a livello internazionale contesti diversi in cui poter calare le nuove importanti soluzioni di cura e in particolare in Italia le difficili condizioni economiche “di sistema” rendono la sfida dell’adozione di tale innovazione ancora più complessa. A questa complessità occorre dare risposte culturali, tecniche ed organizzative: per questo i soggetti responsabili dei processi formativi, università in priimis debbono saper offrire coerenti opportunità di crescita e sviluppo, secondo una matrice specialistica e manageriale nello stesso tempo. L’architettura dell’evento sostiene una sfida a due facce: riconoscere e approfondire l’impatto delle nuove metodologie e confrontarsi “tra pari” per identificare strade coerenti e sinergiche. Il confronto con modelli europei di grande prestigio e metodologicamente riconosciuti come standard dai principali sistemi sanitari è lo sfondo ideale per valorizzare l’impegno dei relatori e delle istituzioni presenti. Va sottolineato inoltre il focus previsto per le diverse società scientifiche invitate all’iniziativa, segno di una responsabilità allargata e trasversale nella gestione di questa delicata fase evolutiva.

NUOVE SFIDE E STRATEGIE PROFESSIONALI DEL FARMACISTA DELLE AZIENDE SANITARIE: Scenari e modelli per una Sanità in cambiamento

Carlo Cifani;Maria Vittoria Micioni Di Bonaventura
2018

Abstract

Le dinamiche che caratterizzano gli scenari di ricerca e sviluppo in ambito farmaceutico delineano un quadro in forte discontinuità. L’innovazione che irrompe grazie allo sviluppo delle conoscenze in campo genetico e cellulare non si limitano a modificare il set di competenze che i professionisti (e farmacisti in prima fila) devono possedere ma modifica i rapporti organizzativi tra le diverse figure. Il grande impegno nel settore della ricerca trova poi a livello internazionale contesti diversi in cui poter calare le nuove importanti soluzioni di cura e in particolare in Italia le difficili condizioni economiche “di sistema” rendono la sfida dell’adozione di tale innovazione ancora più complessa. A questa complessità occorre dare risposte culturali, tecniche ed organizzative: per questo i soggetti responsabili dei processi formativi, università in priimis debbono saper offrire coerenti opportunità di crescita e sviluppo, secondo una matrice specialistica e manageriale nello stesso tempo. L’architettura dell’evento sostiene una sfida a due facce: riconoscere e approfondire l’impatto delle nuove metodologie e confrontarsi “tra pari” per identificare strade coerenti e sinergiche. Il confronto con modelli europei di grande prestigio e metodologicamente riconosciuti come standard dai principali sistemi sanitari è lo sfondo ideale per valorizzare l’impegno dei relatori e delle istituzioni presenti. Va sottolineato inoltre il focus previsto per le diverse società scientifiche invitate all’iniziativa, segno di una responsabilità allargata e trasversale nella gestione di questa delicata fase evolutiva.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/421234
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact