In anni recenti, i giardini botanici hanno profondamente mutato il loro carattere. Da spazi verdi specializzati per lo studio, la coltivazione e la collezione delle specie vegetali indigene o esotiche, sono diventati sempre più veri e propri parchi. Ne è un esempio il Shanghai Chenshan Botanical Garden, in cui contenuti educativi si coniugano con la costruzione di un paesaggio complesso, ecologicamente corretto ed esteticamente godibile. L'articolo è una riflessione critica sul nuovo giardino botanico di Shanghai-Chenshan progettato dai paesaggisti tedeschi Valentien+Valentien e realizzato nel 2010.

Biodiversity. Shanghai Chenshan Botanical Garden

RINALDI, BIANCA MARIA
2011-01-01

Abstract

In anni recenti, i giardini botanici hanno profondamente mutato il loro carattere. Da spazi verdi specializzati per lo studio, la coltivazione e la collezione delle specie vegetali indigene o esotiche, sono diventati sempre più veri e propri parchi. Ne è un esempio il Shanghai Chenshan Botanical Garden, in cui contenuti educativi si coniugano con la costruzione di un paesaggio complesso, ecologicamente corretto ed esteticamente godibile. L'articolo è una riflessione critica sul nuovo giardino botanico di Shanghai-Chenshan progettato dai paesaggisti tedeschi Valentien+Valentien e realizzato nel 2010.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/329381
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact