Il saggio ripercorre le tappe dell'ammissione delle donne a tutti i pubblici uffici e in particolare in magistratura a partire dal dibattito dell'Assemblea costituente evidenziando una consistente difficoltà, una volta entrata in vigore la Costituzione del 1948, alla piena attuazione dei principi costituzionali.

Quaeta non movere. L'ingresso delle donne in magistratura e l'art. 51 della Costituzione. Un'occasione di riflessione sull'accesso delle donne ai pubblici uffici nell'Italia repubblicana.

LATINI, Carlotta
2014

Abstract

Il saggio ripercorre le tappe dell'ammissione delle donne a tutti i pubblici uffici e in particolare in magistratura a partire dal dibattito dell'Assemblea costituente evidenziando una consistente difficoltà, una volta entrata in vigore la Costituzione del 1948, alla piena attuazione dei principi costituzionali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/324381
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact