L'Autrice prende in esame una discutibile giurisprudenza della Suprema Corte che configura l'assistenza difensiva come rinunciabile, quando invece essa è inderogabile nei casi in cui la presenza dell'avvocato è prevista come obbligatoria.

Utilizzabilità nel giudizio abbreviato della chiamata in correità resa in assenza del difensore e altre questioni

DI BITONTO, Maria Lucia Antonietta
2011

Abstract

L'Autrice prende in esame una discutibile giurisprudenza della Suprema Corte che configura l'assistenza difensiva come rinunciabile, quando invece essa è inderogabile nei casi in cui la presenza dell'avvocato è prevista come obbligatoria.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/250220
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact