E' ancora possibile un pensiero riformista per la città?