Autoferrotranvieri: un rapporto di lavoro normale?