L’Autore, di fronte all’indeterminatezza delle regole riferite alla responsabilità del datore di lavoro per inosservanza dell’obbligo di sicurezza, si domanda se sia opportuno fissare queste regole in un “codice di condotta”. Ricordato che il riconoscimento del danno biologico ha comportato il superamento della distinzione tra danno non patrimoniale e danno morale, l’Autore accentua il valore costituzionale del bene della salute, auspicando un ripensamento della dicotomia diritto assoluto - diritto relativo, anche ai fini della revisione dell’istituto della prescrizione.

Dovere di sicurezza nei luoghi di lavoro: un codice di condotta per il datore di lavoro?

PELLETTIERI, Giovanni
2004

Abstract

L’Autore, di fronte all’indeterminatezza delle regole riferite alla responsabilità del datore di lavoro per inosservanza dell’obbligo di sicurezza, si domanda se sia opportuno fissare queste regole in un “codice di condotta”. Ricordato che il riconoscimento del danno biologico ha comportato il superamento della distinzione tra danno non patrimoniale e danno morale, l’Autore accentua il valore costituzionale del bene della salute, auspicando un ripensamento della dicotomia diritto assoluto - diritto relativo, anche ai fini della revisione dell’istituto della prescrizione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/115417
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact