Il testo muove dal famoso aforisma miesiano per fornire attraverso l’analisi di alcune “figure compositive” tipiche del Maestro di Aquisgrana un contributo sul cosidetto minimalismo architettonico.

Less is more

CERVELLINI, Francesco
2002-01-01

Abstract

Il testo muove dal famoso aforisma miesiano per fornire attraverso l’analisi di alcune “figure compositive” tipiche del Maestro di Aquisgrana un contributo sul cosidetto minimalismo architettonico.
2002
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/112846
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact