Comunicare un pensiero libero, non necessariamente reale, indirizzato verso le conseguenze più estreme delle condizioni attuali del progetto e sulle sue visioni future ha caratterizzato, per molte delle figure più interessanti del panorama architettonico, un percorso di ricerca «differente» da affiancare a quello della rappresentazione reale: quasi sempre queste rappresentazioni hanno nascosto una posizione di dissenso e un rifiuto dello stato delle cose cui hanno opposto l’Utopia come concetto rivoluzionario e alternativo.

La rappresentazione dell'utopia.

ludovico romagni
2016-01-01

Abstract

Comunicare un pensiero libero, non necessariamente reale, indirizzato verso le conseguenze più estreme delle condizioni attuali del progetto e sulle sue visioni future ha caratterizzato, per molte delle figure più interessanti del panorama architettonico, un percorso di ricerca «differente» da affiancare a quello della rappresentazione reale: quasi sempre queste rappresentazioni hanno nascosto una posizione di dissenso e un rifiuto dello stato delle cose cui hanno opposto l’Utopia come concetto rivoluzionario e alternativo.
2016
978-88-7462-789-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La rappresentazione dell'utopia.pdf

solo gestori di archivio

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.16 MB
Formato Adobe PDF
1.16 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/413707
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact