Lo stato di crisi economica della società occidentale, che induce una analoga crisi identitaria ed etica, sta creando un’assenza di contenuti teorici e politici che allontanano l’architettura da quello che dovrebbe essere il suo obiettivo principale: migliorare le condizioni di vita dell’uomo. La necessità di tornare ad immaginare il futuro e ad interpretare i desideri dell’uomo verso società e qualità della vita diverse, torna ad essere un’esigenza sulla quale ritrovare un ruolo forte della disciplina architettonica.

Premessa

Ludovico Romagni;Anna Rita Emili
2016

Abstract

Lo stato di crisi economica della società occidentale, che induce una analoga crisi identitaria ed etica, sta creando un’assenza di contenuti teorici e politici che allontanano l’architettura da quello che dovrebbe essere il suo obiettivo principale: migliorare le condizioni di vita dell’uomo. La necessità di tornare ad immaginare il futuro e ad interpretare i desideri dell’uomo verso società e qualità della vita diverse, torna ad essere un’esigenza sulla quale ritrovare un ruolo forte della disciplina architettonica.
978-88-7462-789-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
UT premessa.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 992.94 kB
Formato Adobe PDF
992.94 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/413703
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact