La necessità di una norma in genere deriva dalla volontà di garantire una ripetitività. La normativa architettonica, in particolare, nasce come tentativo di sottrazione del libero arbitrio al progettista. Tuttavia regole troppo costrittive, che non mutano, non si adattano a eventi inattesi, producono un atteggiamento di avversione verso comportamenti preordinati, provocano rifiuto, talvolta vandalismo, altre volte auto-organizzazione . In esse dovrebbe essere contenuta quella necessaria flessibilità capace di esercitare una mediazione tra le ragioni del progetto e la complessità del reale.

La forma nella norma. La visione moderna e la deriva funzionalista della contemporaneità

Ludovico Romagni
2018

Abstract

La necessità di una norma in genere deriva dalla volontà di garantire una ripetitività. La normativa architettonica, in particolare, nasce come tentativo di sottrazione del libero arbitrio al progettista. Tuttavia regole troppo costrittive, che non mutano, non si adattano a eventi inattesi, producono un atteggiamento di avversione verso comportamenti preordinati, provocano rifiuto, talvolta vandalismo, altre volte auto-organizzazione . In esse dovrebbe essere contenuta quella necessaria flessibilità capace di esercitare una mediazione tra le ragioni del progetto e la complessità del reale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
urban genhome_ Romagni.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 891.93 kB
Formato Adobe PDF
891.93 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/412626
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact