L’articolo, da leggersi in stretto rapporto con altro articolo pubblicato sullo stesso libro dedicato alla presentazione delle trasformazioni urbano-architettoniche del Rione di Borgo Solestà ad Ascoli Piceno e delle rappresentazioni attraverso le quali Giulio Gabrielli ritrae più volte, con uno schizzo, un disegno e due dipinti, lo slargo di accesso al Borgo (pp. 126-134), descrive, nello specifico, le fasi di realizzazione di una applicazione multimediale che propone una modalità di visione “oltre” il vincolo bidimensionale delle opere per “entrare” nello spazio della rappresentazione allestendo una ricostruzione digitale 3D dell’ambito urbano scelto così come fu visto e raffigurato. Individuando specifiche “azioni disciplinari”, l’articolo mira ad esporre obiettivi, problematiche affrontate e modalità di attuazione caratterizzanti ogni fase identificata e riconosciuta mettendo in evidenza sia l’aspetto dei contenuti, sia quanto attiene le scelte tecnico-tecnologici sperimentate. Nello specifico per la realizzazione dell’applicazione presentata, sono state individuate 3 fasi. La prima ha riguardato la messa in atto di alcune investigazioni di possibili restituzioni prospettiche condotte su un dipinto di Giulio Gabrielli raffigurante l’area di accesso al Rione di Borgo Solestà individuando l’obiettivo di indagare sulla modalità di allestimento della raffigurazione utilizzate dall’artista. La seconda ha mirato a ricostruire la terza dimensione dello scorcio urbano di Borgo Solestà non limitatamente allo stato attuale ma ripercorrendone le fasi di trasformazione storica utilizzando le opere del Gabrielli determinando, quindi metodi e strumenti idonei a raggiungere gli intenti di ricostruzione 3D. La terza fase ha riguardato il “confezionamento” finale dell’applicazione proposta, ovvero l’identificazione dei più opportuni sistemi per elaborare una crono-videoproiezione digitale 3D e quindi dei relativi strumenti tecnologici da utilizzare.

Borgo Solestà nello spazio pittorico di Giulio Gabrielli. La realizzazione dell’applicazione

MESCHINI, Alessandra;
2013

Abstract

L’articolo, da leggersi in stretto rapporto con altro articolo pubblicato sullo stesso libro dedicato alla presentazione delle trasformazioni urbano-architettoniche del Rione di Borgo Solestà ad Ascoli Piceno e delle rappresentazioni attraverso le quali Giulio Gabrielli ritrae più volte, con uno schizzo, un disegno e due dipinti, lo slargo di accesso al Borgo (pp. 126-134), descrive, nello specifico, le fasi di realizzazione di una applicazione multimediale che propone una modalità di visione “oltre” il vincolo bidimensionale delle opere per “entrare” nello spazio della rappresentazione allestendo una ricostruzione digitale 3D dell’ambito urbano scelto così come fu visto e raffigurato. Individuando specifiche “azioni disciplinari”, l’articolo mira ad esporre obiettivi, problematiche affrontate e modalità di attuazione caratterizzanti ogni fase identificata e riconosciuta mettendo in evidenza sia l’aspetto dei contenuti, sia quanto attiene le scelte tecnico-tecnologici sperimentate. Nello specifico per la realizzazione dell’applicazione presentata, sono state individuate 3 fasi. La prima ha riguardato la messa in atto di alcune investigazioni di possibili restituzioni prospettiche condotte su un dipinto di Giulio Gabrielli raffigurante l’area di accesso al Rione di Borgo Solestà individuando l’obiettivo di indagare sulla modalità di allestimento della raffigurazione utilizzate dall’artista. La seconda ha mirato a ricostruire la terza dimensione dello scorcio urbano di Borgo Solestà non limitatamente allo stato attuale ma ripercorrendone le fasi di trasformazione storica utilizzando le opere del Gabrielli determinando, quindi metodi e strumenti idonei a raggiungere gli intenti di ricostruzione 3D. La terza fase ha riguardato il “confezionamento” finale dell’applicazione proposta, ovvero l’identificazione dei più opportuni sistemi per elaborare una crono-videoproiezione digitale 3D e quindi dei relativi strumenti tecnologici da utilizzare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/294985
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact