Il pubblico ministero ha il potere di vietare alle persone informate sui fatti di comunicare con il difensore. Tale regola, sancita nell'art. 391 quinquies c.p.p., è oggetto dello scritto, nel quale sono illustrati le condizioni ed i presupposti applicativi di essa, alla luce dell'elaborazione dottrinale e dell'unico precedente giurisprudenziale.

Art. 391 quinquies, in Codice di procedura penale. Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, a cura di G. Lattanzi ed E. Lupo

DI BITONTO, Maria Lucia Antonietta
2013

Abstract

Il pubblico ministero ha il potere di vietare alle persone informate sui fatti di comunicare con il difensore. Tale regola, sancita nell'art. 391 quinquies c.p.p., è oggetto dello scritto, nel quale sono illustrati le condizioni ed i presupposti applicativi di essa, alla luce dell'elaborazione dottrinale e dell'unico precedente giurisprudenziale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11581/286593
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact