Saggio sul monumento agli Ebrei assassinati d'Europa di Peter Eisenman a Berlino sul volume di scritti in onore di Eisenman nella ricorrenza dei suoi 80 anni. Nell’epoca in cui la memoria collettiva è sempre più massicciamente ridotta e risolta in archivi di dati e di immagini, il monumento di Eisenman rifiuta ogni iconografia della memoria per lasciarla emergere come esperienza individuale dallo straniamento indotto dal dispositivo spaziale su chi lo attraversa: un’esperienza che impedisce di “uscire” dal monumento, cioè di rimandare a null’altro che a sé stesso, ristabilendo come valore positivo dell’architettura il solo rapporto con lo spazio attraverso il quale interrogarci sul senso del nostro essere al mondo.

L'ultimo Eisenman

MASTRIGLI, GABRIELE
2012-01-01

Abstract

Saggio sul monumento agli Ebrei assassinati d'Europa di Peter Eisenman a Berlino sul volume di scritti in onore di Eisenman nella ricorrenza dei suoi 80 anni. Nell’epoca in cui la memoria collettiva è sempre più massicciamente ridotta e risolta in archivi di dati e di immagini, il monumento di Eisenman rifiuta ogni iconografia della memoria per lasciarla emergere come esperienza individuale dallo straniamento indotto dal dispositivo spaziale su chi lo attraversa: un’esperienza che impedisce di “uscire” dal monumento, cioè di rimandare a null’altro che a sé stesso, ristabilendo come valore positivo dell’architettura il solo rapporto con lo spazio attraverso il quale interrogarci sul senso del nostro essere al mondo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11581/266187
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact