Tra storicismo ed ermeneutica: la storia come “interrogazione-interpretazione sempre differente del passato”