La qualità diffusa contro la babele dei linguaggi