Tra Vienna e Versailles: G. Ferrero e il problema della pace