Ritorno a Vitoria? La parabola della ‘guerra giusta’